Scopri il modo corretto per installare il tuo climatizzatore

Quando si installa un climatizzatore in un’abitazione è importante affidarsi a un professionista (mai al fai da te) verificando che vengano rispettate alcune semplici regole; in questo modo si assicurerà un corretto funzionamento dell’apparecchiatura.

Per l’installazione e la manutenzione dei climatizzatori bisogna affidarsi per legge a imprese o installatori in possesso di certificazione F-gas, dato che si tratta di apparecchi contenenti gas fluorurati ad effetto serra.

Chi non ha mai sofferto di nevralgie e/o dolori alle articolazioni, soprattutto al collo, causati da una scorretta distribuzione dell’aria? Di solito questi problemi sono legati alla velocità del flusso d’aria e alla posizione delle bocchette da cui esce l’aria. Un bravo installatore, per posizionare il condizionatore, deve tener presente che il condizionatore ha due funzioni, ciclo estivo e ciclo invernale, e, di conseguenza, deve cercare di posizionarlo nelle zone più consone, come quelle di passaggio, dove è possibile creare un certo movimento d’aria. E’ risaputo, infatti, che l’aria calda tende a salire verso il tetto, mentre l’aria fredda, essendo più pesante, tende a scendere. Inoltre il getto d’aria è più prolungato se la velocità con cui esce l’aria è maggiore. È bene, quindi, studiare la posizione precisa facendo un sopralluogo nell’abitazione stessa.

Dove installare i climatizzatori ?

L’unità esterna del climatizzatore split va installata all’esterno dell’abitazione: o sul balcone (può essere messa a terra) oppure montata a parete.  Non è necessario che sia posta esattamente in corrispondenza dell’unità interna, può essere più in basso o più in alto.  L’importante è che sia posizionata sulle staffe in perfetto livellamento e che la distanza dalla parete di fondo sia di almeno 10-15 cm.    È fondamentale che non ci sia nulla davanti che impedisca la corretta areazione e andrebbe evitata anche l’esposizione diretta ai raggi del sole.   In generale è buona norma che l’ambiente dove viene installata l’unità esterna sia sufficientemente aperto ed areato, tenendo conto anche che in spazi troppo ristretti il rumore tende ad amplificarsi.

Le unità interne possono essere di vari tipi: a parete, a pavimento, a soffitto, a controsoffitto. È buona norma installarle in modo che l’aria non arrivi in maniera troppo diretta sulle persone.

 

E’ necessario evitare le pareti assolate. È stimato che il condizionatore posizionato su pareti non assolate risparmiano fino a un terzo dell’energia. La parete in cui viene posizionato il climatizzatore non  deve avere un’altra parete di fronte a una distanza inferiore ai tre metri perché altrimenti il flusso d’aria “rimbalzerebbe”. E’consigliato, inoltre, installare il climatizzatore in un ambiente spazioso. Infatti, se l’ambiente è ristretto e il condizionatore è sul ciclo invernale, (ciò significa che il flusso d’aria sarà posizionato verso il basso e alla massima velocità) può causare diversi problemi alla salute. Infine, bisogna tener presente che il condizionatore in funzione produce della condensa per cui deve avere la pendenza necessaria a far fluire liberamente l’acqua.

Bisogna infine tenere conto che chi farà la manutenzione degli apparecchi e la pulizia dei filtri non dovrà incontrare ostacoli: le unità devono essere quindi facilmente raggiungibili.

Condividi: